Arzille vecchiette e donne cattive

vecchietta col mitra

Sull’autobus 21 c’è una donna sui trentacinque anni con i capelli tirati a crocchia, la faccia contratta, le borse sotto gli occhi, le labbra e le mascelle serrate che sembra che le stringa forte  per non mordere qualcuno. È seduta  in una delle sedie riservate e rumina tra sé e sé. Le è successo qualcosa ma nessuno osa chiedere cosa. Alla fermata  di via Giacinta Pezzana sale un’arzilla vecchietta di San Donato.  Fa fatica a salire gli scalini: ha le gambe e i piedi gonfi come zampe d’elefante avvolte in vecchie calze marron dentro due ciabatte di pelle scalcagnate. Chiede alla donna il posto ma questa la aggredisce dicendo che oggi non è giornata, che c’ha il nervoso perché lei il biglietto l’ha passato davanti alla macchinetta ma questa non funzionava e l’ha anche detto all’autista ma la signora  controllora che è salita subito dopo le voleva fare la multa anche se l’avevan vista tutti che lei voleva timbrare, e aveva pure i testimoni ma si sa, le donne quando c’hanno il potere son peggio degli uomini perché devono dimostrare qualcosa, un complesso di inferiorità, altroché femminismo, tutte balle, quando si fanno fare alle donne i lavori da uomini son le più cattive. Fortuna che c’era un ragazzo insieme alla femmina che alla fine ha detto lasciam perdere e così non le hanno fatto la multa. Ma lei c’ha ancora un diavolo per capello contro quella strega con il blocchetto in mano. Intanto che parla, anzi, sbraita, rimane seduta, lasciando che la povera vecchietta si pieghi sempre più sulla schiena, appoggiata al sedile per attutire i dolori. “Faccia come me” la consola questa “pensci che a furia di timbrarlo l’abonamento lo scfrutta di più. E adesso mi faccia scedere e  non mi faccia usare quel poco di forze che mi scion rimascte per darle un smataflone. Sciam pur sempre delle scignore”. La donna sobbalza come se lo schiaffone lo avesse preso davvero e si alza, andando a testa bassa verso l’uscita. Che per essere davvero donne cattive, a volte, ci vuole anche una certa classe.

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...