Il cane guida sull’autobus 21

br />
20140708-080325-29005421.jpg

Sull’autobus 21 l’arzilla vecchietta di San Donato si è seduta in un posto dove le arriva il sole negli occhi e per questo li tiene bassi. Guarda i piedi dei passeggeri e cerca di indovinare le facce dalle scarpe. Un sandalo di pelle con una striscia sottile che dall’alluce arriva al collo del piede, giovane, carina, un po’ ossuta; un paio di birkenstock su due piedi paffutelli, mezza età, alta uno e cinquanta; scarpe nere con i lacci e la pelle lavorata a rete che si intravede il piede nudo, uomo, anziano, forse col riporto e gli occhiali; un sandalo con le fascette rosse e arancioni, occhi chiari; due ballerine nere col fiocchetto, faccia da bambola; una ciabatta nera di gomma con la fascia intorno al tallone, faccione da fatica… Entra un cane guida con la croce rossa su una pettorina e un collare rigido. Si infila tra le scarpe, annusa, si guarda intorno, si apre un varco tra i piedi. Lo seguono due mocassini blu, faccia pallida e occhiali neri. Il cane si stende, appoggia il muso per terra e quasi infila il naso sotto un paio di espadrillas alte da cui spuntano due unghie laccate di rosso. Le espadrillas si girano di fronte ai mocassini blu, si sente che bravo e un poi un parlare sommesso, risatine, commenti. Lei sarà molto bella. A volte, anche con lo sguardo basso si vedon cose.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...