L’arzilla vecchietta e il mondo all’incontrario

20140526-090053-32453755.jpg
Sull’autobus 21, in via Mondo, sale una suora magra come un chiodo, con l’abito marrone, il velo bianco, una giacchetta nera e una borsa di pelle a tracolla. Va a timbrare il biglietto, si gira in cerca di un posto e vede una donna giovane, non ancora quarantenne, con i capelli color nocciola e il viso lucido di crema idratante recitare le preghiere sgranando un rosario blu. La suora la guarda, si gira dalla parte opposta e va a mettersi in piedi di fianco dell’autista. L’arzilla vecchietta di San Donato guarda la scena e pensa ‘Certe mattine scembra che il mondo vada all’incontrario’. Una bambina in fondo all’autobus canta una canzoncina battendo le mani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...