Le arzille vecchiette e gli autobus di San Donato al centro della notizia

20140513-130557.jpg

All’altezza di via Andreini l’autobus numero 20 ha inchiodato dietro a una macchina che ha inchiodato al semaforo rosso. L’autobus numero 88 che seguiva l’autobus numero 20, invece non ha fatto in tempo a inchiodare e lo ha tamponato. Il lunotto posteriore del 20 è andato in mille pezzi, mentre i passeggeri dell’88 hanno battuto tutti la testa contro il sedile davanti. L’ho sentito raccontare da un gruppetto di arzille vecchiette di San Donato sull’autobus 21. Una l’ha saputo da una sua amica che era lì davanti alla Coop e ha visto tutto. Dice che è stato ‘un gran casèn. Non sci capiva un tubo’. Un’altra dice ‘i feriti ‘mo vacca quanti feriti, scembrava una guerra, con tutte quelle ambulanse e quelle scirene….’ Il cugino di una che abita in via Andreini ha detto che quando ha sentito il botto pensava fosse scoppiata una bomba, una che abita al Pilastro ha sentito dire dalla sua parrucchiera, che era sull’autobus 88, che un bambino stava per perdere la mamma ma poi l’ha ritrovata mentre la nonna di una studentessa del Copernico ha raccontato che un’ amica di sua nipote è caduta sui vetri ma poi é stata tirata su da un uomo. La più anziana del gruppo, che fino a quel momento non ha mai parlato dice: ‘Guarda te le cose che suzedono! Uno prende l’autobusc per sctare tranquillo e invece sci trova in messo a un buridone. Mo io vorrei sciapere chi guidava quella macchina’ E ricominciano le testimonianze indirette: ‘Ho scentito dire che era un vecchio ismito che non sci è accorto di niente e che quando è arrivato il verde è ripartito tranquillo’. ‘Mo che, in quella della macchina z’era una donna. Sctraniera’ ‘Ma va là, la guidava un drogato che poi l’han arresctato sciubito’. La vecchia che intanto ha prenotato la sua fermata, si alza e andando verso l’uscita dice: ‘È proprio come nei teleziornali. Fanno a chi le scpara più grosce mo non scià mica niente nesciuno. Io non l’ho mica capito cos’è succesco’. Il quartiere San Donato tra cronaca e leggenda metropolitana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...