Cos’é successo in Tv 

Albertina ha detto che andare alla Rai é come andare in un ministero. Non fai un passo senza un valletto che ti accompagni di qua e di là, é tutto grande, ministeriale, appunto, ma in compenso son tutti gentilissimi. Servite e riverite come prime attrici. Di quelle, poi, ne hanno incontrate alcune nei corridoi. Una per esempio é stata Lia Tanzi, la moglie di Giuseppe Pambieri, a cui hanno regalato un volume delle arzille.

Prima di andare in onda han chiesto loro se volevano trucco e parrucco e loro han detto di si, Albertina voleva il suo caschetto, che la sera prima aveva recitato in una commedia dialettale e aveva ancora i riccioli da vecchia che non sono i suoi, Roberta ha lasciato fare, che lei é più timida e non aveva il coraggio di chiedere. Alla TV però son venute bellissime entrambe. Vero?

Poi in trasmissione é andata così, come potete vedere anche voi, e quindi non ve la racconto ma aspettiamo i commenti, che quando si va in tv son la cosa più bella. Per chi non c’é stato.

Se non riuscite a visualizzare il video, provate qui

Invecchiare con garbo

Cecilia Resio

Per gentile concessione di Cecilia Resio  

Non è facile invecchiare con garbo e parsimonia.
Bisogna accertarsi della nuova carne,
di nuova pelle,
di nuovi solchi,
di nuovi nei.
Bisogna lasciarla andare via, la giovinezza,
senza mortificarla in una nuova età che non le appartiene,
occorre far la pace col respiro più corto,
con la lentezza della rimessa in sesto dopo gli stravizi,
con le giunture,
con le arterie,
coi capelli bianchi all’improvviso,
che prendono il posto dei grilli per la testa.
Bisogna farsi nuovi ed amarsi in una nuova era,
reinventarsi, continuare ad essere curiosi,
ridere e spazzolarsi i denti
per farli brillare come minuscole cariche di polvere da sparo.
Bisogna coltivare l’ironia,
ricordarsi di sbagliare strada,
scegliere con cura gli altri umani,
allontanarsi da sé, ritornarci,
cantare, maledire i guru,
canzonare i paurosi, stare nudi con fierezza.
Invecchiare come si fosse vino, profumando
e facendo godere il palato, senza abituarlo agli sbadigli.
Bisogna camminare dritti, saper portare le catene,
parlare in altre lingue, detestarsi con fantasia.

Non è facile invecchiare, ma l’alternativa sarebbe stata di morire
ed io ho ancora tante cose da imparare.